Istanza per il permesso di ricerca di fluidi geotermici finalizzato alla sperimentazione dell’impianto pilota denominato “CASA DEL CORTO”, studio preliminare di fattibilità

Immagine1

Autore: dott. ing. Simone Dotti
Tutor: prof. ing. Alberto Franchi
Azienda: CALYPSO ENGINEERING S.p.A.
Master: Project Management delle Opere Strutturali e Infrastrutturali a.a. 2013/2014

Lo scopo del lavoro di tesi è stato quello di produrre uno studio di fattibilità preliminare, allo scopo di valutare la convenienza o meno di realizzare un impianto geotermico di produzione di energia, che introduca soluzioni tecniche innovative e riduca gli impatti ambientali. Tre aspetti principali sono stati investigati dal punto di vista probabilistico (impiegando simulazioni Monte Carlo): 1) la presenza delle risorse geotermiche a disposizione (area, volume, geologia, geochimica, temperature, proprietà dei fluidi, ecc.) su un periodo di tempo di 20-30 anni; 2) un’analisi economica per definire il ROI (return on investment) atteso; 3) una valutazione delle tempistiche necessarie per realizzare l’impianto e per iniziare la produzione d’energia.
Le caratteristiche dell’impianto sono riassunte nella tabella seguente:q23
La potenza autorizzata è pari a 5 MWe.
Le conclusioni del lavoro di tesi sono le seguenti:
– Il progetto per risultare interessante ad un investitore non può prescindere (con le attuali ipotesi e stime) da un supporto alla tariffa dell’energia elettrica. La causa di questo è da ricercare principalmente in questi tre fattori:
a) Contenuto entalpico limitato della risorsa: trattandosi di una sorgente a non elevata temperatura assistiamo a rendimenti di ciclo bassi e quindi elevate portate in gioco al fine di consentire il raggiungimento del target di potenza;
b) Taglia dell’impianto: per impianti di questo tipo la targa dell’impianto limitata a 5 MWe può risultare un limite, poiché non è possibile sfruttare alcun effetto scala e l’incidenza del campo pozzi assume un peso tale da rendere già non più economicamente conveniente sfruttare la risorsa anche in caso di un solo pozzo non produttivo;
c) Re iniezione del fluido geotermico: incrementa l’investimento iniziale e aumenta i rischi connessi alle attività di perforazione, soprattutto perché prelevando fluido geotermico che è liquido non si hanno vantaggi con riduzione delle portate volumetriche e riduzione del numero di pozzi di re iniezione. E’ tuttavia indubbio il vantaggio ambientale e sulla sostenibilità della risorsa, che assai più realisticamente manterrà le proprie caratteristiche (temperatura, pressione e portata) per tutta la durata della coltivazione.
– Il modello evidenzia come oltre ad incertezze sui costi, influiscono molto sui risultati le incertezze inerenti la risorsa geotermica.
– Risulta indispensabile trovare meccanismi di mitigazione o di condivisione del rischio, caso contrario iniziative di questo tipo potranno essere realizzate solo da Società con particolari profili di gestione del rischio (per es. elevato portafoglio progetti nel campo geotermico).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>